il Censis, la solitudine e i libri

Il 48esimo rapporto del Censis sul nostro Paese fa emergere delle situazioni che meriterebbero una maggiore attenzione e riflessione da parte di tutti e delle autorità preposte all’educazione. Colpisce infatti l’analisi che porta l’attenzione – partendo dal dilagare del fenomeno … Continua a leggere

“La voce dei libri”. Intervista a Matteo Eremo

Questa galleria contiene 1 immagine.

Ho conosciuto Matteo Eremo attraverso i suoi scritti e mi ha colpito subito il suo entusiasmo e l’amore che trasuda verso il mondo dei libri. Per chi fa il mestiere di libraio o per chiunque lavori nel mondo editoriale o sia … Continua a leggere

L’inchiostro della malinconia

Questa galleria contiene 1 immagine.

Un tesoro di sapere e di stile. Questo è il libro di Starobinski Jean, “L’inchiostro della malinconia”, edito per Einaudi. Affrontare il tema della malinconia non è certo impresa facile né per chi lo ha scritto né per i lettori. Molti … Continua a leggere

Quando i libri vanno in rete

Questa galleria contiene 1 immagine.

Claudia Consoli non ho il piacere di conoscerla personalmente ma sono certo che è una miniera di cose belle. Intanto sappiamo che è una catanese trapiantata a Milano per lavoro, dove infatti  è web community manager e content manager presso … Continua a leggere

Sofia si veste sempre di nero

Tutti noi viviamo nella nostra intimità dei momenti di chiaro scuro o di scuro. La protagonista di questo racconto di Cognetti vive invece la condizione quasi perenne, di eterna ricercatrice di pace. Una ricerca lunga una vita intera. Ad una … Continua a leggere

“Geni egoisti” e le scelte dell’uomo

In questi ultimissimi giorni – al di là dei secchi gelati e delle mancate donazioni – è sorta una nuova discussione molto più interessante e drammatica. Direi sia il caso di aprirne anche qui un sano e civile confronto. Di … Continua a leggere

La tristezza degli angeli

Esistono autori che prima ancora sono poeti. Stefànsson è uno di questi. Avevo già scritto di questo splendido autore scandinavo, quando ho trattato del suo romanzo “Luce d’estate. Ed è subito notte” ed Iperborea. Oggi ne riparlo per portare all’attenzione … Continua a leggere

L’estate è un tempo ottimo per leggere. Per tutti. In ogni posto

Leggere è sempre un atto libero e tale deve restare. I tempi per leggere anche sono molto personali e tuttavia resta innegabile che l’estate è un tempo privilegiato per poter leggere. Un tempo un pò più libero dai tanti impegni per ogni fascia d’età.

Tempo prezioso quello che abbiamo a nostra disposizione. Per viverlo in pieno serve anche una buona lettura. In ogni posto.