“La voce dei libri”. Intervista a Matteo Eremo

Questa galleria contiene 1 immagine.

Ho conosciuto Matteo Eremo attraverso i suoi scritti e mi ha colpito subito il suo entusiasmo e l’amore che trasuda verso il mondo dei libri. Per chi fa il mestiere di libraio o per chiunque lavori nel mondo editoriale o sia … Continua a leggere

Sofia si veste sempre di nero

Tutti noi viviamo nella nostra intimità dei momenti di chiaro scuro o di scuro. La protagonista di questo racconto di Cognetti vive invece la condizione quasi perenne, di eterna ricercatrice di pace. Una ricerca lunga una vita intera. Ad una … Continua a leggere

La tristezza degli angeli

Esistono autori che prima ancora sono poeti. Stefànsson è uno di questi. Avevo già scritto di questo splendido autore scandinavo, quando ho trattato del suo romanzo “Luce d’estate. Ed è subito notte” ed Iperborea. Oggi ne riparlo per portare all’attenzione … Continua a leggere

L’estate è un tempo ottimo per leggere. Per tutti. In ogni posto

Leggere è sempre un atto libero e tale deve restare. I tempi per leggere anche sono molto personali e tuttavia resta innegabile che l’estate è un tempo privilegiato per poter leggere. Un tempo un pò più libero dai tanti impegni per ogni fascia d’età.

Tempo prezioso quello che abbiamo a nostra disposizione. Per viverlo in pieno serve anche una buona lettura. In ogni posto.

 

“Borgo propizio” e “Le stelle non stanno a guardare”. Intervista a Loredana Limone

Nel fortunato lavoro di libraio, ho la fortuna di incontrare e conoscere autrici e autori importanti, che sono prima di tutto un arricchimento umano e poi anche professionale. Tra questi risulta senza ombra di dubbio la bravissima e molto simpatica, … Continua a leggere

Quando i libri diventano vita

L’atto di leggere è una cosa seria. Non seriosa, ma seria. C’è una sostanziale differenza e anche importante. Alla lettura ci si educa, non in modo noioso ma fascinoso. Senza imposizioni ma mostrandone il fascino, la bellezza e i vantaggi.

I bambini andrebbero sempre di più educati in tal senso, e i governi seri dovrebbero investire in tal senso, formando nuove e preparate figure professionali. Ma in mancanza di questo, non mancano persone che lo fanno per passione e anche per mestiere.

Quando si legge un libro avviene una magia unica, molto più grande di quella che avviene vedendo un film o ascoltando musica. Si apre la potenza della propria immaginazione e il cervello crea. E quando il cervello crea immagini, idee, concetti è nella sua casa e produce benessere interiore. Ovviamente il presupposto è leggere libri adatti e buoni.

Nelle mie attività di biblioterapia letteraria mi propongo di fare anche questo. Far conoscere nuovi testi, nuove pagine, nuove situazioni e mettere le persone di poter immaginare al momento, oppure nei giorni successivi – se magari acquisteranno il libro citato – scenari nuovi, concedersi momenti per se stessi, per staccarsi dal mondo, godersi un pò di sano relax e conoscere nuovi mondi che appartengono solo a lui/lei.

Potenza dei libri, come qui…